Avv. Andrea Baldrati +39 340 4895530 Avv. Armando Strinati +39 333 5247665

COMPRAVENDITA IMMOBILIARE: responsabilità del mediatore per omessa informazione

Secondo quanto ribadito dalla Cassazione Civile Sentenza  del 21/02/2017 n° 4415 “Il mediatore immobiliare è responsabile nei confronti del cliente se, conoscendo o potendo conoscere, con l’ordinaria diligenza, l’esistenza di vizi che diminuiscono il valore della cosa venduta, non ne informi l’acquirente; tale responsabilità si affianca a quella del venditore e può essere fatta valere dall’acquirente sia chiedendo al mediatore il risarcimento del danno sia rifiutando il pagamento della provvigione”.

Si precisa, infatti, che l’art 1759 cc obbliga il mediatore ad informare le parti su quelle circostanze a lui note idonee ad incidere sull’affare, in particolare sulla valutazione e la sicurezza del medesimo, e quindi, sulla sua conclusione.

Come più volte ricordato dalla giurisprudenza, l’attività del mediatore deve sempre essere svolta nel rispetto dei doveri di correttezza e della media diligenza professionale, che comprende non solo l’obbligo di comunicare le circostanze note (o conoscibili secondo la comune diligenza), ma anche il divieto di fornire quelle sulle quali non abbia consapevolezza e che non abbia controllato.

Ad esempio, il promissario acquirente sarà legittimato a rifiutare il pagamento della provvigione in caso di mancata informazione da parte del mediatore sull’esistenza di una irregolarità urbanistica non ancora sanata relativa all’immobile oggetto della promessa di vendita.