Avv. Andrea Baldrati +39 340 4895530 Avv. Armando Strinati +39 333 5247665

DECRETO LIQUIDITA’: ecco come beneficiare dei finanziamenti garantiti

Per far fronte all’emergenza covid-19 il governo italiano ha previsto attraverso il Decreto Liquidità una serie di prestiti garantiti attraverso un doppio binario: da una parte con il Fondo Centrale PMI, dall’altra attraverso SACE Spa.

Sul versante fondo di garanzia per le PMI, questo è esteso a tutte le PMI fino a 499 dipendenti ed anche a quelle piccole e medie imprese che alla data della richiesta di garanzia presentano nei confronti di istituti di credito "inadempienze probabili" o posizioni "scadute o sconfinanti deteriorate", a patto che tali situazioni non fosse precedenti alla data del 31 gennaio 2020. Sono ricomprese anche le imprese che, in data successiva al 31 dicembre 2019, sono state ammesse alla procedura del concordato con continuità aziendale, oppure hanno stipulato accordi di ristrutturazione o hanno presentato un piano attestato.

Il fondo potrà garantire, previa autodichiarazione che l’attività è stata danneggiata dall’emergenza covid-19:

  1. nuovi finanziamenti ottenuti dalle PMI, liberi professionisti esercenti attività di impresa, arti o professioni, che abbiano una durata fino a 72 mesi, l’inizio del rimborso del capitale avvenga non prima di 24 mesi dall’erogazione, un importo non superiore al 25% dell’ammontare dei ricavi del soggetto beneficiario o abbiano, comunque, un importo non superiore a 25.000 euro;
  2. i prestiti fino a 800 mila euro concessi a imprese che abbiano ricavi inferiori a 3,2 milioni;
  3. prestiti fino a 5 milioni di euro;

La garanzia quindi sarà pari al:

  1. al 100% per i finanziamenti fino a 25.000,00 euro,
  2. al 90%, che potrà arrivare al 100% con la controgaranzia di confidi per i finanziamenti sino a 800 mila euro concessi a imprese che abbiano ricavi inferiori a 3,2 milioni,
  3. al 90% per i finanziamenti sino a 5 milioni di euro.

Il rilascio della garanzia è automatico e gratuito, senza alcuna valutazione da parte del fondo, e quindi la banca potrà procedere con l'erogazione del finanziamento sulla base della sola verifica formale del possesso dei requisiti, senza attendere l’esito dell’istruttoria del gestore del fondo medesimo.

Passando alla garanzia da parte di SACE Spa, questa si impegna a garantire 200 miliardi di euro destinati alle imprese di qualsiasi dimensione, settore di attività e forma giuridica, garantendo almeno 30 miliardi riservati a pmi e p.iva (come liberi professionisti o lavoratori autonomi).

Per beneficiare degli aiuti, l’impresa dovrà integrare i seguenti requisiti:
1) alla data del 31 dicembre 2019, il richiedente non deve essere stato classificato “impresa in difficoltà”;
2) alla data del 29 febbraio 2020, non doveva avere esposizioni deteriorate o crediti in sofferenza;
3) l’impresa che beneficia della garanzia deve garantire lo stop a distribuzione di dividendi o il riacquisto di azioni nel 2020;
4) di gestire i livelli occupazionali attraverso accordi sindacali.

Questa garanzia opera esclusivamente per i finanziamenti erogati entro il 31 dicembre 2020 e di durata non superiore ai 6 anni. Importante poi sottolineare come l’importo del prestito assistito da garanzia non potrà essere superiore rispetto al maggiore tra i seguenti importi:
- 25% del fatturato in italia 2019 risultante dal bilancio approvato ovvero attraverso dichiarazione fiscale;
- il doppio dei costi del personale relativi al 2019 sostenuti in italia dall’impresa.

Condizione essenziale per ottenere la garanzia è che il finanziamento sia richiesto per far fronte ai costi e alle necessità d’impresa.

Passando alle percentuali massime di garanzia, SACE Spa garantirà:
1) il 90% dell’importo del finanziamento per imprese con meno di 5.000 dipendenti in italia e valore del fatturato fino a 1,5 miliardi di euro;
2) l’80% dell’importo del finanziamento per imprese con valore del fatturato tra 1,5 miliardi e 5 miliardi di euro o con più di 5000 dipendenti in italia;
3) il 70% per le imprese con valore del fatturato superiore a 5 miliardi.

Sebbene siano previste delle procedure semplificate per le imprese che non superino i 5.000 dipendenti in italia, nonchè la possibilità di richiedere e stipulare un contratto di finanziamento anche tramite posta elettronica o sistemi informatici, per richiedere le garanzia l’impresa dovrà muoversi così:

  1. nel momento in cui viene fatta domanda alla banca di finanziamento questo dovrà essere richiesto con garanzia dello stato;
  2. a questo punto viene fatta un’istruttoria dallo stesso istituto di credito circa i requisiti dichiarati ed inoltra richiesta di garanzia a sace;
  3. dopo istruttoria anche da parte di SACE, e previo parere favorevole del ministero dell’economia, ottenuto il benestare la banca erogherà il finanziamento con garanzia che tuttavia non sarà gratuita ma soggetta a commissioni che oscilleranno tra l'1 e 2% a seconda della dimensione dell’impresa.