Avv. Andrea Baldrati +39 340 4895530 Avv. Armando Strinati +39 333 5247665

GARANTE PRIVACY: registro del trattamento anche per il singolo medico

Lo ha chiarito il Garante con il recente provvedimento n. 55 del 7 Marzo 2019, estendendo l’obbligo della tenuta del registro del trattamento anche ai singoli professionisti sanitari che agiscono in libera professione.

“La tenuta del registro - ha dichiarato il Garante - costituisce un elemento essenziale per il governo dei trattamenti e per l’efficace individuazione di quelli a maggior rischio”.
La ragione di tale obbligo risiede quindi nell’importanza che il GDPR attribuisce al registro del trattamento come espressione del nuovo principio di “accountability” e di gestione del rischio.

Spetta, infatti, al professionista “registrare” le attività di trattamento di dati personali effettuate nel corso della propria attività, individuando quelle che potrebbero presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche.

Si ricorda, infine, che lo stesso obbligo va esteso anche a: medici di medicina generale/pediatri di libera scelta (MMG/PLS), ospedali privati, case di cura, RSA e aziende sanitarie appartenenti al SSN, nonché farmacie, parafarmacie e aziende ortopediche.

Invitiamo pertanto tutti coloro che non si fossero ancora adeguati alla normativa GDPR di procedere in tal senso, vista l’imminente scadenza del termine di grazia relativo alle sanzioni da parte del Garante fissato per il 20 maggio 2019.