Avv. Andrea Baldrati +39 340 4895530 Avv. Armando Strinati +39 333 5247665

PIANO DEL CONSUMATORE: novità importante per i coniugi

Buone notizie per i coniugi che intendono accedere al c.d. piano del consumatore, lo strumento introdotto dalla L. 3/2012 che consente, a certe condizioni, di rinegoziare il debito contratto per motivi personali o familiari.

Di recente il Tribunale di Napoli ha infatti omologato un piano del consumatore proposto in maniera congiunta da entrambi i coniugi, i quali hanno così potuto ottenere un abbattimento del debito pari al 30%, oltre alla definizione di un piano di rientro in linea con le loro reali possibilità economiche.

In particolare, il Tribunale apre alla nozione di sovraindebitamento familiare,avendo i coniugi "[...] messo a disposizione entrambi le proprie masse attive e le messe passive che, pure restando distinte, formano un progetto unitario di risoluzione della crisi".

L'omologazione del piano conferma un principio di diritto ormai condiviso dalla giurisprudenza di merito e comunque già recepito nell'art. 70 della bozza del Decreto Delegato che fa seguito alla L. n. 155/217 (c.d. Riforma Rodorf), prevedendo proprio l'ipotesi di un'unico piano in caso di sovraindebitamento familiare, quindi riconducibile al medesimo nucleo familiare.

La novità è di rilievo, oltre che apparire di buon senso, in quanto consente di riunire in un solo piano di rientro tutte le masse attive e passive dello stesso nucleo, senza dover instaurare più procedimenti, uno per ogni suo componente.

Ciò comporta - per ovvi motivi - un risparmio di spese anche legali, a tutto vantaggio di coloro che si trovano a dover già fronteggiare una situazione economica precaria.É importante poi ricordare che con l'omologazione del piano si ottiene l'effetto dell'esdebitazione, vale a dire la liberazione da tutti i debiti contratti, oltre alla conseguente cancellazione del proprio nominativo da tutti i registri di cattivo pagatore, potendo così l'istante accedere a nuovi mutui o finanziamenti in precedenza non concessi.